“Esprimiamo soddisfazione per l’assoluzione di Asia Bibi, la donna pakistana di religione cristiana, condannata a morte per blasfemia. Resta invece alta la preoccupazione per i pericoli che la donna ancora corre nel suo Paese a seguito della sentenza di assoluzione: in Pakistan è già divampata la protesta da parte di fondamentalisti ed estremisti islamici. Ad Asia Bibi vanno garantite protezione e tutela.

Auspico che l’Europa tutta, e il nostro Paese in particolare, si rendano disponibili a dare asilo a questa donna che non ha rinunciato a professare la propria fede religiosa nonostante il rischio ed il pericolo”. Lo dichiara Enrico Aimi, senatore e capogruppo di Forza Italia in Commissione Affari Esteri.