Gasparri, Governo latitante sulla Libia. Convocare immediatamente le commissioni

Gasparri, Governo latitante sulla Libia. Convocare immediatamente le commissioni

“Chi aveva ragione sulla Libia? Ci siamo stancati di ripeterlo ma Silvio Berlusconi, stipulando accordi con Gheddafi, aveva trovato la via giusta che, invece, Sarkozy, Obama e Clinton, Cameron interruppero con la sciagurata guerra del 2011. Adesso Macron continua le ambigue operazioni francesi per destabilizzare il governo di Tripoli, soltanto per tutelare i propri interessi. L’Europa, di cui tanto si parla, dimostra clamorosamente di non esistere di fronte a questa grave crisi. La politica italiana giusta era quella proposta dal centrodestra: accordi per tutelare i nostri approvvigionamenti energetici e per bloccare le partenze dei clandestini. Dopo c’è stato soltanto caos e disordine.
Di quello che sta accadendo deve occuparsi immediatamente il parlamento. Registriamo invece la latitanza del governo Conte, che si illude di organizzare una conferenza internazionale a Sciacca mentre, da qui a novembre, data dell’eventuale summit siciliano, la Libia potrebbe essere ridotta in polvere. Serve una immediata iniziativa internazionale. Sono in gioco interessi vitali dell’Europa ma, soprattutto, dell’Italia, protesa nel mediterraneo. Bisogna interrompere la latitanza del governo e discutere immediatamente nelle Commissioni difesa ed esteri di Camera e Senato questa tematica. Chiediamo una riunione urgente che ponga fine alla latitanza del governo Conte”.
Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri