fbpx

Tienanmen. Aimi (FI): “Abbiamo il dovere di ricordare e commemorare le vittime”

Tienanmen. Aimi (FI): “Abbiamo il dovere di ricordare e commemorare le vittime”

“Il 4 giugno 1989 l’esercito soffocava nel sangue la legittima protesta di chi, in piazza Tienanmen, chiedeva democrazia, riforme e libertà. L’Italia, l’Unione Europea, le democrazie occidentali hanno il dovere di ricordare anche per coloro che, oggi, non potranno farlo, visto che ogni iniziativa commemorativa è impedita dal governo cinese.

Quella del 4 giugno 1989 è una pagina di storia terribile, specchio di quel regime che ancora oggi sopprime e reprime. Abbiamo il dovere di tenere viva la memoria di quella tragedia, commemorando, ricordando, promuovendo la conoscenza di quei terribili fatti senza voltarci dall’altra parte. Perché è questo che fanno i Paesi che hanno una forma di governo democratica e una Costituzione basata sulla libertà e sull’uguaglianza”.

Lo dichiara il senatore Enrico Aimi, capogruppo in Commissione Affari Esteri per Forza Italia