fbpx

CORONAVIRUS. RONZULLI: INCENTIVARE SMART WORKING, NON SOLO IN EMERGENZA

CORONAVIRUS. RONZULLI: INCENTIVARE SMART WORKING, NON SOLO IN EMERGENZA

“Ex male, bonum. L’emergenza sanitaria di questi giorni e le misure per la quarantena che prevedono la chiusura di molti uffici, costringono il governo alle prese con un decreto legge e il legislatore a fare i conti con una realtà che già esiste da molto tempo, ma non è adeguatamente normata: lo smart working”. Così, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli.

“Le tecnologie- aggiunge- consentono ormai da tempo di svolgere la stragrande maggioranza dei lavori da dentro casa, risparmiando tempo e danaro per gli spostamenti, aiutando l’ambiente: lo smart working o lavoro da remoto, molto diffuso in altri Paesi, è una misura che può aiutare le lavoratrici madri nella conciliazione dei tempi di lavoro e per la famiglia perchè consente di stare più tempo con i figli. Deve essere incentivato come stanno facendo oggi in queste circostanze e sempre di più: e’ ancora più importante lo si faccia in un Paese come il nostro che soffre di una endemica carenza di servizi per l’infanzia”.