fbpx

Centrodestra, Cangini: Salvini ragiona con logica proporzionalista, FI faccia altrettanto

Centrodestra, Cangini: Salvini ragiona con logica proporzionalista, FI faccia altrettanto

 

«La “federazione di centrodestra” evocata da Matteo Salvini è un velo sottile tessuto in fretta e furia per farsi dire di no e mascherare la realtà. La realtà è che, dopo aver tirato un muro tra sè e Giorgia Meloni, il Capitano ha voluto delegittimare il suo storico alleato, Silvio Berlusconi, accusandolo di intelligenza col nemico». lo dice il senatore di Forza Italia Andrea Cangini, portavoce di Voce libera. «Ammesso che ci sia una logica politica, questa destrutturazione del centrodestra è il segno che Salvini dà per scontato che alle prossime elezioni si voterà col proporzionale. Forza Italia farebbe bene a sintonizzarsi sulla medesima lunghezza d’onda. Ragionare con logica proporzionalista obbligherebbe tutti i dirigenti a coltivare l’identità politica del proprio movimento e alcuni ad accantonare un “salvinismo” esibito per calcolo più che per convinzione. Poi, ovviamente, se alle elezioni i partiti di centrodestra si rivelassero maggioranza e la Lega ottenesse più voti degli altri, è ragionevole immaginare che qualcuno possa dire a Matteo Salvini: complimenti, ma, se vuoi quella fiducia che per anni ci hai negato, a palazzo Chigi devi mandarci un Giancarlo Giorgetti».