fbpx

Peste suina: Caligiuri (Fi), ok decreto urgente per fronteggiare emergenza

Peste suina: Caligiuri (Fi), ok decreto urgente per fronteggiare emergenza


“L’8 luglio dello scorso anno centinaia di agricoltori protestavano in piazza per l’eccessiva presenza anche per le strade di fauna selvatica, in particolare dei cinghiali. Ci si batteva, e noi eravamo presenti, per l’incolumità fisica dei cittadini ma anche per la protezione sanitaria di questi animali. Poi il 7 gennaio scorso l’arrivo della peste suina africana, riscontrata in Liguria e Piemonte, ha fatto scattare l’allarme. E le misure assunte con questo decreto, che Forza Italia voterà, dimostrano che c’era e c’è ancora una emergenza per evitare che il virus della peste africana possa estendersi ai suini con effetti davvero molto gravi. Basti pensare che il settore suinicolo è strategico e vale circa 4,5 miliardi con grande una rilevanza economica. E basti pensare che l’80% delle carni suine sono utilizzate per i prosciutti doc che sono un patrimonio di eccellenza del Made in Italy. Quindi, questo provvedimento è giusto e tempestivo, così come positiva è la nomina di un Commissario che coordini l’attività di prevenzione con le Regioni e bene ha fatto il Ministero a prevedere 10 milioni per far funzionare bene gli uffici del Commissario. Per tali ragioni ribadisco il voto favorevole di Forza Italia al decreto”.
Lo ha detto in aula la senatrice di Forza Italia, Fulvia Caligiuri, durante le dichiarazioni di voto sulla conversione del decreto legge che reca misure per arrestare la peste suina africana.