“Una legge infausta, un compromesso sciagurato sulla pelle del Paese, che viola le garanzie dei cittadini e numerosi articoli della Costituzione. Ecco perche’ Forza Italia vota a favore delle questioni pregiudiziali e ci auguriamo che il governo non ponga la questione di fiducia su questa legge. Sarebbe una manifestazione di paura di questo governo che si regge su equilibri cosi’ fragili da aver paura di se stesso e teme di confrontarsi con il Senato”. Lo ha detto intervenendo nell’Aula del Senato il capogruppo di Forza Italia Anna Maria Bernini durante l’esame del ddl anticorruzione.

“Viviamo l’esame di questo disegno di legge con profonda sofferenza – ha aggiunto Bernini – perche’ la giustizia prima di tutto deve essere giusta e deve considerare l’imputato sempre innocente fino a prova definitiva. Stiamo trattando della vita delle persone e bloccare la prescrizione dopo il primo grado – ha osservato – sia se si e’ innocenti o colpevoli significa lasciare appesa sulla testa del cittadino una spada di Damocle a vita. I tempi del processo non sono indifferenti, abbiamo assistito a processi che durano anche vent’anni nell’incuria e nel menefreghismo generale perche’ il processo e’ una bomba, di cui ci si accorge solo se deflagra nel tuo salotto.

E il provvedimento legittima questa logica perversa. Per noi l’unico contratto da rispettare e’ quello che abbiamo sottoscritto con gli elettori e non accetteremo mai compromessi al ribasso che offendono e negano le garanzie costituzionali. Sono innumerevoli – conclude – gli aspetti del ddl che non possiamo condividere, ecco perche’ ci auguriamo che il governo non metta la fiducia impedendoci di esaminarli in quest’aula”.