“A questo governo manca una filosofia di fondo, non c’è un’idea di paese, c’è solo la spartizione di potere fra due partiti distinti e distanti che hanno in comune solo un contratto privatistico. Noi invece, il nostro contratto l’abbiamo firmato pubblicamente con gli italiani. Ed è un contratto di centrodestra che non prevede l’assistenzialismo di Stato. Noi non avremmo mai tagliato i soldi alla gente che guadagna 1300 euro al mese, che costituisce il cuore pulsante del paese, soldi che serviranno per pagare il reddito di cittadinanza.

Avevate promesso 780 euro e ora, dopo il confronto con l’Ue, darete ai poveri appena 83 euro al mese, una somma che non basta neppure per fare la spesa per una settimana. Mutuando la sloganistica del vicepremier Di Maio, ci viene da dire: da 780 a 83 euro fatto! 800 milioni in meno alle Ferrovie, fatto! Tagliati gli incentivi a imprese e artigiani, fatto! Più povertà per tutti, fatto!”. Lo ha dichiarato nell’aula del Senato il capogruppo di Forza Italia al Senato Anna Maria Bernini.