Aimi, “L’Italia rischia di ritrovarsi l’Isis in casa”

Aimi, “L’Italia rischia di ritrovarsi l’Isis in casa”

L’invasione del nord-est della Siria da parte della Turchia, già condannata dall’Europa, rischia di avere serissime conseguenze sul futuro dell’Italia e di tutto l’Occidente. C’è una grandissima preoccupazione legata al fatto che non si riescano più a controllare gli oltre 10mila miliziani dell’Isis e i 2000 foreign fighters europei che si trovano nei campi di prigionia. In una situazione già devastante per gli equilibri geopolitici e per la sicurezza dell’intero continente europeo, l’Italia rischia di essere il Paese più esposto, con il pericolo concreto di ritrovarci in casa i terroristi in fuga dalle carceri siriane. L’Italia e l’Europa compiano ogni sforzo possibile per fermare gli attacchi della Turchia nei confronti del popolo curdo.

Lo dichiara Enrico Aimi, senatore e capogruppo in commissione Affari Esteri per Forza Italia